100 Anni di Istituto Neurologico Carlo Besta

Milano, Giovedì 18 OTTOBRE 2018 Palazzo di Brera, Sala delle Adunanze, Via Brera, 28 –
Milano
Una giornata di lavori, e non solo, per celebrare il centenario dell’Istituto Neurologico Carlo
Besta quella che si terrà giovedì 18 ottobre presso la Sala delle Adunanze di Palazzo Brera. Il
convegno 100 Anni di Neuroscienze | 100 Anni di Istituto Neurologico Carlo Besta, promosso dalla
Biblioteca Scientifica della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta in
collaborazione con l’Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere e la Federation of
European Neuroscience Societies (FENS), ha come obiettivi di far conoscere il contributo fornito
dall’Istituto Neurologico Carlo Besta allo sviluppo delle Neuroscienze, mettendo in risalto
l’approccio interdisciplinare e collaborativo e di diffondere la storia delle neuroscienze fra le nuove
generazioni di medici e ricercatori, preservando il patrimonio storico bibliografico, strumentale e
documentale delle istituzioni locali.
La Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta trae la sua origine dal Centro
Neurochirurgico della Guastalla costituito nel 1915, per impulso del neuropsichiatra Carlo Besta.
Besta nacque a Teglio (Sondrio) il 17 aprile 1876 e studiò medicina e chirurgia all’Università̀ di
Pavia, con il futuro Premio Nobel Camillo Golgi. Dopo essersi laureato nel 1900 fu prima medico
praticante presso l’Istituto psichiatrico di San Lazzaro di Reggio Emilia sotto la guida di Augusto
Tamburini e dopo un breve periodo di primariato presso l’Ospedale psichiatrico di San Servolo di
Venezia, si trasferì̀ a Padova in qualità̀ di vicedirettore dell’Istituto psichiatrico diretto da Ernesto
Belmondo. Nell’ottobre 1913 fu nominato professore straordinario presso l’Università̀ di Messina e
dal 1924 assunse la prima cattedra di Clinica delle malattie nervose e mentali della nascente
Università degli Studi di Milano, che detenne fino alla morte avvenuta il 26 dicembre 1940. Oggi
lo stesso incarico è ricoperto da Giuseppe Lauria dell’Istituto Besta.
Allo scoppio della guerra del 1915-1918 fu richiamato alle armi e destinato, in qualità di consulente
neurologo, all’Ospedale militare di Sant’Ambrogio di Milano. Convinto della validità̀ dei criteri
neurologici per la cura dei cerebrolesi di guerra anche dopo la guarigione clinica della ferita,
costituì̀ il Centro Neurochirurgico della Guastalla allo scopo di curare e reintegrare fisicamente e
mentalmente i feriti al sistema nervoso durante la Prima Guerra Mondiale dedicandosi alla diagnosi
radiologica e al trattamento operatorio, fisioterapico e rieducativo. Da subito un Comitato
Benefattori e Patronesse, mosso da spirito filantropico, affianca Carlo Besta per dare un sostegno
inizialmente assistenziale ai pazienti e ai loro familiari. Successivamente lo stesso Comitato ha dato
un contributo notevole anche dal punto visto economico alla nascita e sviluppo dell’Istituto,
sostenendone anche la ricerca.
Un decreto prefettizio del 1918 eresse il Centro a Ente giuridico con la denominazione di Istituto
pro Feriti Cerebrali di Guerra. Inaugurato ufficialmente nel 1922 presso Villa Marelli (ex
residenza dell’industriale Ercole Marelli) nell’attuale viale Zara a Milano, fu trasformato in Ente Morale

Besta
Ufficio Stampa e Relazioni Esterne
Anna Maria Grossi
cell. +39 338 3685 – anna.grossi@istituto-besta.it