Baruffa sulla Camera di Commercio unica

camera-di-commercio-di-fermo-1024x768Due politici per una volta assumono una posizione chiara, definita e questo scatena una miriade di reazioni indignate e a volte anche prive di reali motivazioni. Il casus belli è la decisione di UNIONCAMERE di aderire alla soluzione di un unico ente camerale (Camera di Commercio unica) a livello regionale. Per questa soluzione si sono espressi in modo chiaro e netto i consiglieri regionali Pd Giacinti e Cesetti. Apriti cielo. Accusati di tradimento del territorio, di non sappiamo più quali interessi di parte si sono avventati su i due politici gli strali di associazioni, di alcuni sindaci e di qualche sparuto imprenditore. Ora i lettori ricorderanno le innumerevoli prese di posizione di questo giornale favorevole all’abolizione tot court delle Camere di Commercio, vai infatti a capire le ragioni di quanti per tutto l’anno si lamentano degli sprechi, delle spese oramai fuori controllo della Pubblica Amministrazione, degli Enti pubblici e delle varie articolazioni dello Stato e poi al momento opportuno quando pare sia possibile per una volta tagliare un po’ di poltrone, peraltro occupate in qualche caso anche in modo poco ortodosso, ecco ci si oppone. Con quali argomenti poi? Ebbene uno di questi argomenti forti che avrebbero dovuto consentire di tenere in piedi un baraccone anche per la zona di Marche sud era il sisma, si proprio il terremoto. In virtù del sisma per alcuni era necessario dare un segnale di compattezza e di presenza delle istituzioni, mentre altri rimandavano alla qualità e forza del distretto industriale per avere ancora una presenza di tal fatta sul territorio. Nell’era digitale è tutto risibile, incredibile, che proprio degli imprenditori, la maggior parte dei quali non ha mai goduto dei “favori” della Camera di Commercio, non ha mai partecipato alle famose “delegazioni commerciali” verso mete esotiche, possa ergersi a difensore di un Ente se non inutile certo costoso, gestito in modo imbarazzante e dai più mai consultato. Bene hanno fatto Giacinti e Cesetti per una volta a non cedere al clientelismo e a porre fine ad un piagnisteo indecoroso.

ARES