Lavoro , contratti in calo, volano i voucher

voucherLavoro drogato dagli incentivi, ora ridotti e dall’utilizzo massiccio dei voucher. Così nel primo semestre 2016 si assiste alla prima frenata dell’occupazione a tempo indeterminato, con la riduzione degli incentivi c’è un calo del 33% con 326.000 occupati in meno. Nonostante le stime positive e l’ottimismo fuori luogo del Ministro poletti e del Premier l’occupazione sale solo ad opera degli incentivi fiscali e in larga misura è rappresentata dalla trasformazione di contratti in essere a tempo determinato. D’altro canto in regime di stagnazione dell’economia, con le imprese industriali oramai ridotte al lumicino, la crisi edilizia, il blocco del turn over nella P.A. quelle poche assunzioni o trasformazioni contrattuali avvengono tutte nel settore dei servizi, qualcosa nell’artigianato di qualità e poco altro. Continua invece l’utilizzo massiccio dei voucher, produttori di nuove precarietà, nonostante le iniziative annunciate dal governo sempre maggiore il voucher serve ad altro che non le prestazioni occasionali. Purtroppo tutto questo accade con un esecutivo di improvvisatori, capaci solo di annunci eclatanti smentiti dalla sera alla mattina, ma soprattutto accade perché il Ministero del lavoro  è affidato ad uno come Poletti, un altro dei nostri politici/amministratori dai quali non acquisterete mai una bici usata!

ARES