Jessica Marcozzi proposte di legge n° 20 e 22

IMG-20120630-00107Sarà vero risparmio per i cittadini o siamo dinanzi a una mera operazione di facciata? Mi auguro sia

almeno l’inizio, per qualcuno, di un cammino che noi di Forza Italia abbiamo già intrapreso da

tempo, e senza bisogno di Proposte di Legge. Sì perché al Consiglio regionale di domani

approderanno le PdL n.20 e n.22. La prima riguarda l’abolizione del contributo per il

funzionamento dei gruppi consiliari e le modifiche alla legge regionale n.34 del 1988 sul

finanziamento delle attività dei gruppi consiliari. Il principio è assolutamente condivisibile, e per

questo motivo la PdL mi vede a favore, ma è bene che i cittadini sappiano che nella proposta figura

anche una possibilità di accesso alle risorse peri gruppi consiliari. All’articolo 3,  infatti, sono

introdotti due commi determinanti. Il primo stabilisce che “l’ufficio di presidenza del Consiglio,

con apposita deliberazione, previo parere della Conferenza dei Presidenti dei Gruppi, individua le

risorse di cui al comma 1, ossia quelle necessarie per l’espletamento delle funzioni istituzionali dei

Gruppi stessi, e stabilisce i criteri e le modalità di utilizzo delle risorse. Al comma 2 si stabilisce che

l’Ufficio di Presidenza del Consiglio, nei casi di dubbi applicativi della deliberazione ne fornisce

l’interpretazione autentica. Ecco dunque che i Gruppi hanno ancora la possibilità di richiedere e

accedere a risorse a cui, invece, noi di Forza Italia abbiamo rinunciato in toto. Sono, invece,

contraria alla PdL 22 per la modifica alla legge regionale n.23 del 1995 sulle disposizioni in materia

di trattamento indennitario dei consiglieri regionali riducendo la parte fissa del rimborso. Noi di

Forza Italia abbiamo rinunciato, fin dall’inizio della legislatura, a qualsiasi benefit concesso ai

Consiglieri, a partire da schede telefoniche e telefoni cellulari. Perché il Movimento 5 Stelle, che

propone la PdL 22, non si è adoperato da subito per la rinuncia, come abbiamo fatto noi, e arriva

solo ora, a distanza di un anno dall’inizio della legislatura, a proporre la PdL? Se veramente si vuole

un risparmio per i cittadini, lo si può ottenere concretamente e rapidamente rinunciando

spontaneamente a tutti quei privilegi riservati ai Consiglieri e azzerando i rimborsi spese sostenute

per l’esercizio del mandato da parte degli stessi e della giunta regionale.

18-4-2016

Il Consigliere Capogruppo FI

CONSIGLIO REGIONALE DELLE MARCHE

Jessica Marcozzi