A proposito di Garanzia Giovani

2d79d-pequod2b3Crescono gli iscritti al programma Garanzia Giovani raggiunge il picco dei 974.000, crescono, anzi raddoppiano i benefici fiscali per quanti hanno iniziato tirocini prima del 31 gennaio, ma la percentuale di occupati è sempre molto esigua.

Il programma Garanzia Giovani partito oramai da oltre un anno e mezzo non ha dato i risultati sperati, se è vero come è vero che i soggetti avviati a tirocinio non superano il 34% degli iscritti alla Garanzia.

Responsabilità di questo flop, ampiamente documentato dal nostro giornale, ma anche da autorevoli testate nazionali, risiede negli “errori” di profilazione dei giovani iscritti alla Garanzia, alla scarsa professionalità dei centri per l’impiego deputati a svolgere i colloqui con i candidati a di un posto di lavoro ed infine all’insufficiente rapporto di interscambio di informazioni e sinergie tra Centri per l’impiego ed aziende.

Sarebbe anche utile conosce la destinazione dei fondi dedicati alla Garanzia, come sono stati spesi, quanti effettivamente sono finiti nei tirocini e quanti invece sono stati dedicati a convegni, iniziative pseudo promozionali, più che altro per i soliti politici da prima pagina.

Sta di fatto come un programma ambizioso, con obiettivi seri e monitorabili, in grado nel resto d’Europa di portare un qualche beneficio alla disoccupazione giovanile si è tradotto nel nostro paese nell’ennesima illusoria operazione di facciata, con vittime tra quanti sospesi tra studi bloccati e senza un posto di lavoro si attendevano una svolta positiva da questo programma.

Affidato alle mani inesperte del Ministro Poletti non poteva finire peggio, d’altro canto sono notorie le sparate propagandistiche sui numeri dei nuovi contratti di lavoro, sull’azione salvifica del Jobs Act,, così come sull’efficacia di Garanzia Giovani.

Il Jobs Act non ha contribuito a creare nuovi posti di lavoro, è stata la decontribuzione a far aumentare il numero dei contratti a tempo indeterminato, anche se la nella maggior parte dei casi si tratta di semplici operazioni di stabilizzazione di rapporti esistenti. Di Garanzia Giovani abbiamo già detto, ora aspettiamo i risultati dell’employment di questi giorni per capire quali sono i benefici per l’occupazione giovanile in rapporto alle cifre messe a disposizione, pe rle quali ci piacerebbe anche verificare le effettive destinazioni, beneficiari e qualità dei progetti.

Ares