T.E.S.P.I., MARTEDI’ 28 A MAIOLATI ASCANIO CELESTINI IN PRIMA REGIONALE

Ascanio Celestini. RitrattoRoma, 2013ANCONA (24 lug. 2015) –  Il 28 luglio T.E.S.P.I., festival di teatro sociale promosso da ATGTP, Fondazione Primo Maggio e AMAT, che in occasione del 70mo della Liberazione ha quest’anno forma di Festival della Resistenza, si sposta a Maiolati Spontini per due appuntamenti.

Alle 18 alla Biblioteca la Fornace EffeEmme23 a Moje c’è l’incontro con Matteo Petracci, autore del libro pubblicato da Donzelli “I matti del duce. Manicomi e repressione politica nell’Italia fascista”. Attraverso carte giudiziarie, testimonianze, relazioni e cartelle cliniche, Petracci, dottore di ricerca in Storia all’Università di Macerata, ha ricostruito i diversi percorsi che hanno condotto molti antifascisti in manicomio, facendo emergere il ruolo giocato dalla sovrapposizione tra scienza e politica nella repressione degli oppositori del fascismo. L’incontro è curato da Gilberto Maiolatesi, coordinatore della Rete del Sollievo di Jesi/Malati di Niente, partner storico di TESPI. Al termine della presentazione la merenda offerta dall’ANPI.

Serata a Maiolati Spontini per la prima regionale dello spettacolo di Ascanio Celestini Niccioleta (ore 21.30 al Parco Colle Celeste, posto unico euro 10). Da un’idea di Andrea Camilleri, Celestini racconta la storia dell’eccidio di Niccioleta, cittadina mineraria della Toscana, in cui il 13 giugno 1944, i reparti nazisti che l’avevano invasa fucilarono 6 di quelli che si erano ribellati per difendere il loro lavoro furono fucilati dietro il forno della dispensa del villaggio, mentre un settimo riuscì invece a scappare nascondendosi nella boscaglia grazie a un attimo di distrazione del fascista di guardia. Dei 150 operai deportati a Castelnuovo di Val di Cecina, 77 furono giustiziati sulla strada per Larderello, 21 mandati nei campi della Germania e gli altri vennero infine liberati.

Il festival si conclude venerdì 31 luglio a Serra San Quirico con letture e ricordi dal libro “Pagine di guerra e di speranza” (ore 18.00 a Palazzo Piccioni). A seguire, alle logge Manin, la cena partigiana a base di “pastasciutta dei Fratelli Cervi” e il “Coro 24 marzo” della sezione ANPI di Matelica. Chiusura di questa edizione di TESPI con il concerto di Lorenzo Monguzzi, ex Mercanti di Liquore e collaboratore di Marco Paolini, in “Portavèrta” con la violoncellista Daniela Savoldi (ingresso posto unico 3 euro).

Informazioni, programmi dettagliati e prenotazioni: ATGTP (tel. 0731/86634 e 0731/56590) www.atgtp.it e AMAT (tel. 071/2075880) www.amatmarche.net. I biglietti per “Niccioleta” di Ascanio Celestini (posto unico euro 10) sono in vendita nei canali AMAT/Vivaticket e la sera di spettacolo al Parco Colle Celeste di Maiolati.  In caso di maltempo lo spettacolo di Celestini sarà trasferito in teatro.

 

Ufficio stampa

Simona Marini