Brambatti: “Un sondaggio mi conforta ad andare avanti”

00brambattiIl Sindaco Brambatti è deciso ad andare avanti. Ha dichiarato severamente “volevano commissariare il mio cervello”, ma un sondaggio in città “mi dice che la “maggioranza” vuole che continui con questa esperienza amministrativa. Ora ci sarebbe da capire che tipo di sondaggio ha fatto o ha fatto fare la Brambatti. Qualcuno, anche tra gli addetti ai lavori pensa sia una boutade, qualcuno immagina che i sondaggisti del Sindaco siano i soliti Bibi e Bibo, sconcertati dall’ipotesi di un addio anticipato alla sindacatura. Ai cittadini pensiamo basti sapere che cosa vuole fare il Sindaco, con la sua “giunta solidale” nel periodo residuo, quale programma di alto profilo si accinge a mettere sul tavolo e quali scelte qualificanti e determinanti per il futuro della città ha in serbo. E’ naturale pensare a quanto poco è stato fatto nel periodo precedente, quel poco in alcuni casi è stato fatto anche male. Certe energie sono state messe al margine o addirittura stroncate. La “spocchia” del Sindaco è nota, la sua incapacità a fare squadra pure, l’assenza di collegialità altrettanto, le smanie professorali che poco si addicono alla politica pure. Allora il Sindaco dovrebbe dire se con questa squadra, con il mal di pancia del Pd, l’insofferenza di gran parte dei cittadini per questo teatrino, ha davvero carburante e non legna bagnata per accendere un lumicino di speranza. La rigidità del Sindaco e la sua determinazione ad andare avanti è in parte legittima. Avrebbe voluto una forte autocritica anche da parte del suo partito ed un minimo di sostegno politico in alcuni passaggi, purtroppo il non essere politico, ma solo una “meteora” per sua stessa ammissione , gli ha impedito di comprendere che non avrebbe potuto avere né l’uno né l’altro. Da qui l’incaponimento per cercare di far emergere contraddizioni e vulnerabilità che pure ci sono all’interno del Pd e non solo. Purtroppo come diciamo da sempre a pagare è solo e sempre la città, i suoi cittadini, gli operatori economici e tutti quelli che dal continuo inarrestabile declino di Fermo hanno e avranno solo conseguenze negative.

ARES