“M’illumino di meno”, il Comune aderisce e spegne luci e impianti di fontane e monumenti

00dimeno“M’illumino di meno”è la nota campagna nazionale sulla razionalizzazione

dei consumi energetici. L’iniziativa si avvale da anni dell’Alto patrocinio del

Parlamento Europeo e della Presidenza della Repubblica, nonché delle adesioni

di Senato e Camera dei Deputati.

L’obiettivo della campagna comunicativa è raccontare le buone pratiche in

ambito di risparmio energetico da parte di istituzioni, comuni, associazioni,

scuole, aziende e singoli cittadini, promuovendo la riflessione sul tema dello

spreco di energia. La coibentazione, l’uso di fonti rinnovabili, il ricorso a

mezzi di trasporto meno impattanti sull’ambiente, l’attenzione a disattivare

gli apparecchi elettronici che non si stanno utilizzano, sono un patrimonio a

disposizione di tutti.

“M’illumino di meno” culmina nella “Giornata del risparmio energetico” –

quest’anno il 13 febbraio – dedicata all’ormai consueto simbolico “silenzio

energetico” per attirare l’attenzione sull’efficienza e sul consumo intelligente

di energia: in questa data si chiede infatti lo spegnimento dell’illuminazione di

monumenti, piazze, vetrine, uffici, aule e private abitazioni.

Il Comune di Porto San Giorgio ha deciso di aderire spegnendo le fontane di

viale della Vittoria, piazza della chiesa di San Giorgio, via Martiri di Cefalonia,

e piazza Mentana. “Seguo personalmente da diversi anni il tam-tam della

redazione Rai del programma radiofonico ‘Caterpillar’ – indica l’assessore

all’Ambiente Umberto Talamonti – . E’ una iniziativa simbolica che coinvolge e

stimola alla consapevolezza sul risparmio energetico”.

Ai simbolici spegnimenti si affianca da anni anche l’invito ad accendere, ove

possibile, luci “pulite”, facendo ricorso a fonti rinnovabili e sistemi intelligenti

di illuminazione.