Civitanovese -Chieti 1-2

004civitanovCIVITANOVESE (4-3-2-1): Silvestri, Ficola, Mioni, Magini (12′ st Carlini),

Morbiducci, Biagini, Bigoni, Margarita, Amodeo, Degano, Pintori (3′ st Shiba).

A disposizione: Geria, Forgione, Cossu, Ruzzier, Passalacqua, Foresi, Zekiri.

All. Antonio Mecomonaco.

CHIETI (4-2-3-1): Placidi, Sbardella, Giron, Maschio, Sgambato, Di Pietro,

Lagzir, Perfetti (21′ st Diop), Broso, Orlando, Pisani (31′ st Lorenzoni). A

disposizione: D’Amico, Alberta, Leone, Di Federico, Esposito, Napoli, Di

Rosa. All. Donato Ronci.

ARBITRO: Stefano Gosetto di Schio (Alessio Scacchi – Nicola Mariottini di

Arezzo).

RETI: 11′ pt Lagzir, 14′ st Maschio, 19′ st Margarita.

NOTE: ammoniti: 45′ pt Perfetti (gioco falloso), 21′ st Mioni (gioco falloso), 44′

st Amodeo (simulazione). Corner 4-4. Recupero 1’+4′.

CIVITANOVA MARCHE – La Civitanovese regala un tempo e mezzo, il Chieti

ringrazia e porta a casa i 3 punti. I rossoblù cadono così per la seconda volta

in campionato al “Polisportivo” per mano di una non irresistibile compagine

teatina.

La partita si mette subito in discesa per i neroverdi bravi a capitalizzare

una punizione senza troppe pretese di Lagzir ed il piattone dell’indisturbato

Maschio. Mecomonaco pesca dalla panchina inserendo Shiba e l’ex Carlini. I

neoentrati scuotono la Civitanovese che si risveglia. Amodeo libera Margarita

a tu per tu con Placidi e i rossoblù riaprono la partita. La Civitanovese c’è.

Peccato che c’è anche Placidi. In versione deluxe, per giunta. Prima il

portiere del Chieti ipnotizza il capocannoniere del torneo, poi sbarra la strada

al brioso Carlini e, nel finale, si supera su una conclusione a botta sicura

sempre di Amodeo deviando in corner con la mano di richiamo.

La cronaca

11′ pt, punizione da posizione centrale di Lagzir lenta e a mezz’altezza che

fulmina Silvestri.

21′ pt, velleitario Degano dal limite.

32′ pt, prova Giron dalla distanza con un diagonale rasoterra che muore a

lato.

46′ pt, punizione di Pintori da buona posizione sulla sinistra: la barriera devia

in corner.

14′ st, cross basso da destra di Sbardella per Maschio che, indisturbato nel

cuore dell’area, fredda Silvestri con il più classico dei piattoni.

19′ st, Amodeo lancia Margarita in profondità che, solo contro Placidi, non

sbaglia accorciando le distanze.

20′ st, Amodeo a tu per tu con Placidi non coglie l’attimo per la conclusione

facendosi anticipare dall’estremo neroverde.

23′ st, occasione per Amodeo sugli sviluppi di una punizione battuta a

sorpresa di Shiba.

25′ st, Degano apre per Amodeo che pesca l’ex Carlini in area: Placidi

provvidenziale in corner.

30′ st, punizione di Margarita deviata in angolo dalla barriera teatina.

41′ st, azione personale di Broso dritto per dritto, Silvestri respinge con i

pugni.

46′ st, Placidi si supera deviando in corner una conclusione di Amodeo. Sul

calcio d’angolo seguente Shiba insacca, ma l’arbitro annulla per un fallo.