Senigallia Misa in piena torna la paura

00misaSENIGALLIA. Il Misa torna a fare paura. Senigallia di nuovo a rischio alluvione. Scuole chiuse. Diverse famiglie sono state aiutate a portarsi in luoghi asciutti. A Senigallia, dove alle tre di notte si è insediato il Comitato operativo comunale per monitorare le condizioni meteo avverse, questa mattina tutte le scuole di ogni ordine e grado rimarranno chiuse. Le autorità invitano la popolazione a non usare l’auto. Chiusi Ponte II Giugno e Ponte Garibaldi. I residenti sono stati invitati a spostare l’auto e salire ai piani alti nelle zone Porto, Portici Ercolani e fosso Sant’Angelo. Allagata in parte la zona artigianale di Borgo Bicchia.

La situazione si era fatta critica intorno alle 4 di notte, oltre che per la pioggia, a causa dal forte vento di levante che impediva al mare di ricevere causando un innalzamento del livello del fiume Misa.

Situazione particolarmente difficile nella notte a Marzocca, con l’acqua che ha invaso parte del lungomare e reso inagibili alcuni sottopassi. Chiuso al traffico lungomare Italia, allagati i sottopassi delle “Piramidi” e Traversa Cesano. Dalle ore 6 e 20 è diminuita l’intensità delle precipitazioni, ma continua l’allerta. Gli argini del fiume non sono stati, allo stato attuale interessati dal livello di piena.

Criticità invece nella rete idrica minore, nei vari fossi. Viene costantemente monitorato il livello del fiume a Bettolelle. Dalle 6 e 40 è calato livello di Fosso Sant’Angelo ed è stata riaperta via Rovereto. Alle 7 del mattino il fiume Misa a monte e la situazione dei fossi erano sotto controllo, anche se cresceva ancora il livello del fiume nel centro della città.