Tra meno di due ore Mattarella Presidente

00mattarellaTra poco meno di due ore avremo, a scanso di sorprese dell’ultima ora il futuro Presidente della Repubblica. Dopo la terza votazione di ieri pomeriggio, questa mattina alla quarta votazione serviranno soltanto 505 voti, la maggioranza semplice per eleggere Sergio Mattarella al Quirinale. Quelle di ieri sono state ore convulse alla ricerca della quadratura del cerchio e stringere il maggior numero di consensi intorno a Mattarella, evitando per quanto possibile l’effetto dei franchi tiratori calcolati intorno alle 40/50 unità. A tarda sera sul nome di Mattarella c’è stata, non senza malumori e dissidi la convergenza dell’Ncd, che con questa mossa mette definitivamente nell’angolo Forza Italia. Sconfitti su tutta la linea e destinata all’inconsistenza politica quelli del M5s i quali in modo tardivo, intempestivo hanno tentato di essere della partita con le Quirinarie candidando Imposimato e Prodi, incuranti di giocare una partita fuori dal campo e fuori tempo. Mattarella, palermitano, giudice costituzionale è una figura di altissimo profilo istituzionale, competente, serio e stimato, che le forze politiche dovrebbero far fatica a non votare. Intorno al nome di Mattarella, fatto da Renzi nei giorni scorsi si è sancita una unità di fatto del Pd, si è derubricato ad accordo temporaneo ed utile alle riforme il Patto del Nazareno sterilizzando l’opposizione interna al Pd, si è rafforzata la maggioranza di governo e si è lasciata l’opposizione di Forza Italia con il cerino in mano a spiegare, per quanto possibile il no a Mattarella.

ARES