Civitanovese, conferenza stampa Mecomonaco pre Matelica

00prematelicacivCIVITANOVA MARCHE – «Sarà una partita molto tattica, che potrebbe

risolversi con un episodio»: è questa la previsione che Mister Antonio

Mecomonaco affida ai taccuini dei giornalisti nel pre-gara di Civitanovese –

Matelica.

«Entrambe le squadre dovranno fare a meno di pedine di elevatissimo

valore, ma sono sicuro che chi scenderà in campo farà egregiamente il suo

dovere – prosegue il tecnico – d’altra parte, ad affrontarsi domani saranno

due grandissime formazioni, che, nonostante le assenze pesanti, hanno

comunque organici molto competitivi. Il Matelica, che ad inizio anno era

annoverata tra le possibili candidate alla vittoria finale e che veniva da un

campionato, lo scorso, eccellente, sicuramente vorrà rifarsi dell’ultima

sconfitta patita a domicilio, complice anche un arbitraggio avverso. Noi,

invece, mastichiamo ancora un po’ amaro per quanto successo negli

ultimissimi secondi contro il San Nicolò, ma siamo convinti che ci sarà da

grande lezione: dal momento in cui credo che gli uomini del Presidente

Canil abbiano grande sete di vendetta e che vogliano rientrare nelle prime

posizioni, saranno costretti a rischiare qualcosa e a fare la gara, cercando

di non sbagliare più nulla, pena l’allontanarsi definitivamente dall’obiettivo.

Proprio nel leggere a nostro favore questa situazione dovremmo dunque

essere bravi e cinici noi, imponendoci così come avevamo fatto fino a che

siamo stati in parità numerica con il San Nicolò».

Ricomincia il girone di ritorno, dunque, con le stesse asperità che avevano

caratterizzato quello di andata, e forse con qualcosa di diverso: «Sappiamo

tutti che il nostro calendario è molto impegnativo in avvio, con una serie di

sfide complicate da approcciare nel modo corretto, soprattutto considerando

anche il fatto che i mister sono ora spesso costretti a scelte obbligate, dettate

da squalifiche ed infortuni. Però, rispetto all’andata, in cui molto c’era da

scoprire, ora si gioca molto più a carte scoperte ed io, per quanto riguarda la

mia squadra, posso mettere la mano sul fuoco. Mentalmente e fisicamente

questa Civitanovese sta bene, e se continuerà ad interpretare ogni impegno

con la giusta mentalità, ci sarà da divertirsi fino alla fine».

I rossoblù, oltre a diversi acciaccati per via di una fastidiosa influenza,

dovranno rinunciare a Shiba, Mioni, Ficola ed Aquino, con una difesa

da ridisegnare quindi, ma ritroveranno il fioretto di Daniele Degano,

fuoriclasse di categoria, che con uno dei suoi magici tocchi potrebbe fare

la differenza: «La situazione delle diffide potrebbe avere un grande peso

in questo momento, spero che le squalifiche dunque vengano dilazionate

nel tempo e non vadano a concentrarsi insieme, costringendo la squadra

a mutare giocoforza volto. Ci troviamo infatti in una fase delicatissima del

campionato, in cui ogni punto vale doppio. Molte squadre si sono rinforzate,

ogni campo domenicalmente riserva nuove insidie e risultati inaspettati:

l’equilibrio che regna è indice di una grande qualità di questo girone,

avvincente come non mai».

«Potevamo già essere in vetta oggi, ma non si piange sul latte versato – la

chiusura di Mecomonaco – andremo a Matelica per strappare non meno che i

tre punti. E se la Dea Bendata ci riservasse quel pizzico di fortuna che troppe

volte quest’anno ci ha tolto, sono certo che questa Civitanovese sarà fino in

fondo una protagonista assoluta di questo campionato».

Elenco convocati: Agresta, Amodeo, Bensaja, Biagini, Carlini, Cossu, Bigoni,

Degano, Di Pentima, Foresi, Forgione, Geria, Magini, Margarita, Massaccesi,

Morbiducci, Mosca, Pigini, Pintori, Ruzzier, Silvestri.