Emergenza nelle strutture di Pronto Soccorso

001osptorretteGiornata campale, oggi, per la sanità della provincia di Ancona. In tilt i Pronto soccorso di Torrette, Inrca e Jesi che hanno dovuto gestire centinaia di pazienti, restando senza barelle e esaurendo i posti letto disponibili.

Tantissime le persone che oggi (venerdì) si sono rivolte alle strutture d’emergenza dei tre ospedali, anche solo per una semplice influenza o piccoli traumi e patologie per curare i quali sarebbe stato sufficiente rivolgersi al medico di famiglia.

Un centinaio le persone che, nell’arco della giornata, hanno affollato il Pronto soccorso di Torrette. Quasi tutti codici verdi e gialli, quindi di bassa e media gravità, che hanno intasato il presidio. Esauriti i letti, alcuni pazienti hanno dovuto attendere il loro turno distesi sulla barella davanti alla postazione di triage.

Giornata da dimenticare anche per il Pronto soccorso dell’ospedale della città di Federico II che, tra ieri e l’altro ieri, ha accolto a fatica oltre 200 persone. Qui il caos soprattutto giovedì, quando improvvisamente medici e infermieri si sono trovati a dover gestire 40 persone arrivate quasi in contemporanea.

Un intasamento effetto della riorganizzazione con il declassamento degli ospedali di Loreto e Chiaravalle e la riduzione dei posti letto a Osimo, ma anche di un diverso sistema di gestione della centrale operativa del 118 che non invia più i pazienti anziani con patologie legate all’età a Torrette.