Civitanove​se, provvedime​nti post derby e conferenza stampa Cossu

00cossuCIVITANOVA MARCHE – Si è abbattuta sulla Civitanovese la dura mannaia

del Giudice Sportivo: alla bruciante sconfitta nel derby si va infatti ad

aggiungere, nella giornata odierna, il dispiacere per i gravi provvedimenti

messi in atto dal Dipartimento Interregionale nei confronti della Società, che

comunque tiene a prendere le distanze e deplorare simili episodi di condotta

anti-sportiva.

«La squalifica del campo per un turno, in occasione dell’importantissimo

impegno con la Sambenedettese, l’ammenda di quattromila euro, la mia

squalifica personale e l’obbligo di disputare una gara a porte chiuse in

campo neutro rinunciando ad un cospicuo incasso ci colpiscono duramente

– commenta a caldo il Direttore Generale Giorgio Bresciani – Come Società,

non possiamo però che prenderne atto, anche se ritengo le colpe ascrittemi

assolutamente eccessive per quelli che sono stati i fatti».

Si cerca pertanto di smorzare un po’ i toni, nella tradizionale conferenza-
stampa del mercoledì, che nell’occasione vede l’esperto Riccardo Cossu

sedere davanti ai taccuini dei giornalisti per il consueto “punto della

situazione”.

«Siamo ancora più carichi e più vogliosi di prima, in questo momento

– premette il difensore di origini nigeriane – certo la sconfitta nel derby

ci brucia, e parecchio, soprattutto per come è arrivata, ma, in fondo, il

bello del calcio è proprio questo: domenica dopo domenica, si ha subito

l’occasione di rialzare la testa. Non meritavamo di perdere, a mio avviso, e

ci tenevamo particolarmente a regalare una grande gioia al nostro pubblico,

accorso in massa per sostenerci: purtroppo, i due episodi in occasione delle

marcature avversarie ci hanno un po’ destabilizzato, ma il nostro valore resta

immutato».

«Cerchiamo dunque di guardare subito avanti, senza demoralizzarci: i

“giovani” hanno il pieno sostegno dell’intero spogliatoio, che sin dalla serata

di domenica non ha mancato di far loro sentire il proprio affetto e supporto.

Il nostro reparto offensivo ha elementi di prima grandezza, potenzialmente

in grado di andare in rete in qualsiasi momento, il pacchetto offensivo,

benché spesso variato negli uomini, non gli è da meno in quanto a bravura

– continua nella disamina Cossu – Riuscire a limare quei piccoli errori che

negli ultimi impegni tanto hanno pesato ai fini del risultato è il nostro obiettivo

principale, che ci consentirebbe subito un pronto riscatto».

«A Chieti ci aspetta una gara impegnativa, ma sappiamo di potercela fare

– le conclusioni del centrale classe 1982 – con il giusto spirito agonistico,

questa Civitanovese può dare filo da torcere a chiunque e recitare il ruolo che

merita».