L’Arma maceratese sempre più incisiva contro il narcotraffico

00sequestristupefacentiAll’alba del 6 settembre 2014 i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Macerata, a conclusione di

un’importante attività investigativa hanno eseguito l’arresto di un cittadino marocchino K.L. pericoloso spacciatore di origine

nordafricana sul cui conto sono emersi gravissimi elementi indizianti quale tra i principali spacciatori di eroina di Macerata e dei

comuni vicini.

È stato verificato dai carabinieri che il nordafricano (dai tratti trasandati si muoveva tra la costa e l’entroterra per le consegne tramite

passaggi e autostop) è stato sospettato negli ultimi giorni di essere il corriere di sostanza stupefacente tipo EROINA per questa

Provincia, destinata a decine e decine di tossicodipendenti di questo territorio.

I carabinieri del NORM della Compagnia di Macerata nell’operazione lampo, predisposta in pochi giorni con appostamenti diurni e

notturni e finalizzata alla repressione del fenomeno dello spaccio, che già ha portato agli importanti risultati degli ultimi anni (oltre

100 arresti fatti a Macerata dal NORM della Compagnia carabinieri del capoluogo e dintorni per reati di droga) hanno individuato il

soggetto mentre, proveniente dalla costa si muoveva nella zona di Monte San Giusto diretto verso Macerata e lì nelle stradine isolate

di campagna aveva creato il suo nascondiglio, dove prelevava l’eroina e organizzava i suoi traffici.

Il soggetto, noto alla giustizia per analoghi fatti, nullafacente, senza documenti e irregolare in Italia nascondeva la droga nelle

campagne di Villa San Filippo di Monte San Giusto per poi spuntare fuori con le dosi pronte per andare ai suoi appuntamenti. Sono

stimabili ricavi per oltre 300 euro al giorno. Al controllo di questa mattina dei militari del Radiomobile ha tentato di allontanarsi ma

è stato bloccato e perquisito. Nel nascondiglio scavato in un campo agricolo aveva appena occultato 150 grammi di eroina.

Ricorrendo lo stato di flagranza del reato di spaccio e di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, di cui all’art. 73 DPR 309/90 è

stato perquisito, arrestato e tradotto in carcere a Camerino.

Attualmente era un punto di riferimento per lo spaccio di eroina in zona, ed ha infatti precedenti per analoghe vicende di spaccio.

Dopo alcuni mesi di detenzione era da poco tornato in libertà ed aveva imperterrito ripreso l’attività illecita. I 150 grammi

sequestrati oggi gli avrebbero potuto fruttare circa ottomila euro, se ceduti in dosi da un quarto o da mezzo grammo.

I carabinieri della Compagnia di Macerata da inizio 2014 hanno rinvenuto, sequestrato e distrutto oltre cinque kg di stupefacenti

(cocaina, eroina, hashish, marijuana, droghe sintetiche, ecstasy, piante di cannabis per un valore al dettaglio tra i sessantamila e gli

ottantamila euro) nonché materiali per il confezionamento, bilancini, coltelli, sostanze da taglio, prodotti per la coltivazione, ed oltre

seimila euro provento di spaccio.

Il massiccio contrasto ai reati di droga è tra gli obiettivi maggiori del Nucleo Operativo della Compagnia di Macerata con 21

denunce a Piede Libero e 10 arresti effettuati da gennaio 2014 solo per reati di droga (16 le persone totali arrestate dal NORM della

Compagnia CC Macerata, gli altri 6 per furti, rapine e violenze in genere), con in particolare la cattura di due narcotrafficanti

marocchini con 4,5 Kilogrammi di hashish provenienti dal nord Italia scoperti in una operazione del febbraio a Piediripa di

Macerata.