Pesaro, ROF apre con successo

04rofpesaroPESARO – Guerrieri cristiani come pupi siciliani, esposti alla seduzione da ninfe dorate tra diavoli, pippistrelli e amorini. È questa l’“Armida” di Luca Ronconi, che ieri ha aperto il Rossini Opera Festival a Pesaro.
Una prima che ha riscosso un’accoglienza quasi trionfale. Quasi perchè non sono mancati alcuni mugugni durante la serata, anche se poi gli applausi sono fioccati copiosi durante la parte musicale e visiva. Ronconi aveva già diretto, al Rof nel ’91, l’opera di Rossini che narra dell’amore tra Rinaldo e la Maga Armida, vicenda liberamente tratta dalla “Gerusalemme liberata”. Un allestimento sobrio, con la scenografia fissa in cartapesta che diventa campo di battaglia, bosco o isola magica. Nella partitura ci sono anche venti minuti di danza, che Ronconi ha scelto di affidare alle coreografie di Michele Abbondanza, capace di mettere in scena combattimenti e duelli della “Gerusalemme liberata” con un modernissimo gioco di ombre cinesi. Applausi per gli interpreti Carmen Romeu (Armida), Antonino Siragusa (Rinaldo), Dimitri Korchak (Gernando e Claudio), Randalla Bills (Goffredo e Ubaldo), Vassilis Kawayas e Carlo Lepore (Idraote e Astarotte).