SPECIALE Giorgia, Sempre!

specialeStraordinariamente Speciale. Sembra danzare sopra la tavola da windsurf. Danza e vince. Anzi, stravince. Un altro Mondiale (della classe Techno 293) per Giorgia Speciale. È il secondo consecutivo: Sopot 2013 e Brest 2014. Mai a nessuna italiana, nella sua categoria, l’Under 15, era riuscita la doppietta.
L’impresa dell’anconetana della Sef Stamura si è compiuta ieri nelle acque francesi. Trentacinque concorrenti, cinque giornate e una serie di nove prove senza storia. Giorgia la cannibale. Sette primi posti e due secondi, l’ultimo scartato. Totale, nove punti. Abissali i distacchi dalle inseguitrici: in gara, per manciate di minuti; in classifica, di decine di lunghezze. L’israeliana Shira Benbenisti, medaglia d’argento, ha concluso 20 punti sotto. La greca Natalia Arapoglou, terza, con 28 di ritardo.
La quattordicenne della Stamura si è presa il podio più alto con autorevolezza. L’ennesimo dominio assoluto che preannuncia altri trionfi, altre vittorie. Per adesso di scritto, in bacheca, figurano i due Mondiali e l’Europeo di aprile a Torbole sul Garda. E in Italia i titoli non si contano più. «Sono contenta, anche se martedì ero tesa. Sarà che confermarsi è sempre difficile. Ma è andata bene» dice Giorgia.
Ieri sera a Brest, dopo la premiazione, la festa con papà Paolo, mamma Cecilia e l’allenatore Roberto Pierani.