Pesaro e Urbino, ancora nubi all’orizzonte. Nel 2014 altri posti di lavoro in meno

blitz-lotta-studentesca-pesaroPESARO – Pesaro e Urbino, anche il 2014 sarà un anno difficile per il lavoro. Alla fine di dicembre i posti di

lavoro nelle aziende della provincia saranno circa 2mila in meno.

Un risultato dovuto alla perdita di posti di lavoro, non compensati dai nuovi ingressi di personale nelle

aziende marchigiane. Si tratta di dati forniti da Unioncamere e Ministero del Lavoro sulla base dell’indagine

Excelsior sui fabbisogni occupazionali delle imprese marchigiane, ed elaborati dal Centro Studi Sistema per

la Cna Marche.

L’allarme viene lanciato dal presidente Cna di Pesaro e Urbino, Alberto Barilari secondo il quale “abbiamo

sei mesi di tempo per rendere meno pesante questa previsione e favorire le assunzioni di nuovo personale

nelle aziende della regione”.

Come? Moreno Bordoni, segretario provinciale lancia la sua ricetta. “Intervenendo sulle difficoltà

burocratiche, sull’accesso al credito, sulla conoscenza dei mercati in modo da rendere meno complicato

avviare un’impresa per i tanti giovani desiderosi di mettersi in proprio sulla riduzione della tassazione locale

che sta diventando un ostacolo alla crescita.

Secondo stime del sistema camerale, sono più di 5 mila i giovani marchigiani tra i 18 ed i 35 anni potenziali

imprenditori e riuscirebbero ad assorbire quasi il doppio di lavoratori, fornendo un contributo decisivo al

mercato del lavoro marchigiano. Regione, Camere di commercio e associazioni di categoria debbono unire i

loro sforzi per facilitare la nascita di nuove imprese, fornendo agli aspiranti imprenditori assistenza, supporto

e finanziamenti dedicati”.

Nella classifica regionale stiamo peggio solo rispetto alla provincia di Ancona dove nei prossimi mesi si

perderanno più posti di lavoro (- 2.180). Segue la provincia di Pesaro Urbino (- 1.880) e Macerata (- 1.280).

Situazione migliore ad Ascoli Piceno (- 830) e a Fermo (- 500).

I lavoratori maggiormente a rischio disoccupazione saranno quelli occupati nel commercio, nel turismo,

alloggio e ristorazione, nei trasporti, nei servizi. Tra le imprese manifatturiere, quelle che avranno il maggior

calo di personale saranno quelle del sistema moda, meccanica, mobile e alimentari.

“Di fronte ad una disoccupazione giovanile che ha raggiunto quest’anno il 36,1 per cento rispetto al 23,8

per cento del 2001 – concludono Barilari e Bordoni – non si deve e non si può restare a guardare. Si tratta

di una disoccupazione non solo manuale ma anche intellettuale, visto che negli ultimi due anni il tasso di

disoccupazione dei giovani laureati è salito dal 5,4 all’8 per cento e quello dei diplomati dal 7 al 10,1 per

cento. Bisogna per questo favorire l’inserimento di giovani occupati nelle nostre aziende, in particolare

diplomati e laureati, che portano competenze, innovazione, ricerca, capacità di guardare ai mercati

internazionali.”