La CNA fermana ha incontrato il Prefetto, sulla lotta all’abusivismo.

abusivi“E’ stata un’ottima occasione incontrare la più alta istituzione del territorio per farle

conoscere la nostra realtà, sia in merito all’attività che svolgiamo per gli associati, che per il ruolo

che siamo chiamati quotidianamente a svolgere a tutela delle categorie che rappresentiamo”.

Con queste parole il Presidente Provinciale della CNA di Fermo, Paolo Silenzi, commenta

l’incontro tra l’associazione e Sua Eccellenza il Prefetto Angela Pagliuca, avvenuto il 16 gennaio a

Palazzo Caffarini Sassatelli.

La delegazione, formata dal Presidente Silenzi, dal Direttore Provinciale Alessandro Migliore e

dal funzionario provinciale Massimiliano Felicioni, è stata accolta da Sua Eccellenza, affiancata dal

dottor Francesco Martino, Capo di Gabinetto della Prefettura.

Tema principale dell’incontro è stata la situazione attuale dell’artigianato del Fermano e la

crisi che investito tutti i settori del tessuto economico-produttivo nostrano, con particolare riferimento

al comparto dell’edilizia e del suo indotto, oltre che del calzaturiero.

Nel difficile quadro attuale tracciato al Prefetto, che ha dimostrato di essere ampiamente a

conoscenza delle caratteristiche produttive e manifatturiere del Fermano, la delegazione della CNA

ha riferito a Sua Eccellenza quale sia il ruolo di assistenza rivestito dall’associazione nei confronti

degli artigiani, oltre che l’importante aspetto del credito, fondamentale grazie al lavoro del confidi

Fidimpresa Marche.

Aggiunge il Direttore Provinciale: “Abbiamo rappresentato al Prefetto tutti quei casi concreti in

cui la presenza dell’istituzione Prefettura è necessaria per trovare soluzioni in grado di permettere

ad un’attività fondamentale del nostro territorio, quella dell’artigianato, di continuare a rimanere

in vita. E’ stata anche un’occasione per evidenziare le molte, troppe, difficoltà che attanagliano i

piccoli imprenditori che rappresentiamo e la necessità di affrontare un cambio di rotta, da parte

delle istituzioni tutte, per ridare linfa vitale alle imprese, perché è con esse che si mantiene quel

benessere sociale fondamentale per il nostro territorio”.

Il Prefetto Pagliuca ha voluto conoscere quali sono gli strumenti con cui la CNA sostiene

e affianca i suoi associati, mentre il dottor Martino ha ricordato le situazioni in cui la sinergia

tra Prefettura e Associazione ha dato buoni risultati, anche e soprattutto in termini di tutela degli

artigiani.

Come già avvenuto con Emilia Zarrilli, anche con il Prefetto Pagliuca la CNA ha registrato grande

disponibilità a collaborare, soprattutto negli ambiti della tutela del lavoro e della lotta all’abusivismo.

Non da ultimo, Silenzi e Migliore hanno anticipato al Prefetto la partecipazione della CNA di

Fermo alla grande mobilitazione organizzata a Roma per il 18 febbraio da Rete Imprese Italia per

manifestare contro la perdurante situazione di disagio che il Paese sta affrontando.