Premio letterario nazionale “Paolo Volponi” intitolato “Sotto il Vulcano Taranto”

2013.11.27 Premio Volponi ultimi appuntamenti 02 (opera Ciro Stajano)Si segnala, inoltre, che il 29 mattina Vinicio Capossela parlerà ad Unomattina del Premio per il

reportage narrativo Maghunting-Volponi, che gli verrà consegnato nel pomeriggio presso il Fermo Forum.

Torna il Premio “Paolo Volponi”, punto di riferimento sulla scena nazionale della Letteratura e dell’impegno

civile che, ricordando il noto intellettuale marchigiano, vede protagonisti sul palco delle città di Fermo,

Porto San Giorgio, Monte Vidon Corrado, Urbino, Ancona , Altidona, Monte Urano, Porto Sant’Elpidio e

Capodarco i protagonisti della cultura e della letteratura italiana. Un fruttuoso incontro tra scrittori e pubblico

di appassionati, e che culmina nel suo epilogo nella premiazione dei testi più interessanti dal punto di vista

dell’impegno e della critica sociale. I tre libri vincitori di questa edizione sono:

“L’uso della vita 1968” di Romano Luperini (ed. Transeuropa)

“La lucina” di Antonio Moresco (ed. Mondadori)

“Il gabinetto del dottor Kafka” di Francesco Permunian (ed. Nutrimenti)

In evidenza poi:

– L’incontro “Sotto il Vulcano Taranto” con Loris Campetti, Alessandro Leogrande, Maurizio Landini

– l’incontro “L’essenziale del giornalismo” con Sergio Zavoli

– Il premio per il reportage narrativo Maghunting-Volponi a Vinicio Capossela

– lo spettacolo “Viva Verdi” con Cesare Bocci

– l’incontro “Cosa scrivono i narratori” con Mario Desiati e Massimo Raffaeli

– la mostra di Dondero/Tullio Pericoli “Portrait. Volponi e il suo mondo” e quella di Giovanni Marrozzini

– due documentari in anteprima su Luigi Di Ruscio, “Neve nera” (di Marzoni/Ferracuti) e “Ritorni”

– il premio a Francesco Permunian

Il Premio Volponi è nato nel 2004, in occasione del decennale della morte dello scrittore, da un gruppo di

associazioni del Fermano tra le quali “L’AltrItalia”, “Circolo di Confusione”, “Altidona Belvedere”, “Periferie”,

con la Direzione artistica dello scrittore bolognese Stefano Tassinari, nell’intento di collegare la figura

dello scrittore urbinate a tutta una serie di nuove progettualità culturali, non solo legate alla letteratura, che

riscoprivano nel Paese la realtà e l’impegno sociale degli intellettuali in un periodo difficile e tormentato

di vita nazionale. Infatti è specificità della manifestazione contestualizzare i libri vincitori con altre forme

espressive come il teatro, il cinema, le arti figurative e la fotografia.

La Giuria tecnica del Premio è attualmente composta dallo scrittore Enrico Capodaglio, che fu amico di

Paolo Volponi, da Massimo Raffaeli ed Emanuele Zinato, tra i critici che di più si sono occupati della sua

opera, in particolare presso l’editore Einaudi, dal poeta Massimo Gezzi e dallo scrittore Angelo Ferracuti

(direttore artistico della manifestazione), la quale sceglie annualmente una terzina di libri vincitori. Poi i

tre romanzi vengono letti e votati da una Giuria popolare composta da oltre 100 lettori, molti dei quali

studenti degli Istituti scolastici della Provincia di Fermo, la quale designa il “Super-Vincitore”.

Hanno vinto il Premio letterario “Paolo Volponi” nelle precedenti sette edizioni autori notissimi al grande

pubblico come Guido Barbujani, Sergio Pent, Mario Desiati, Marcello Fois, Eraldo Affinati, Ascanio

Celestini, Nicola Lagioia.