Truffa funerali, arresti non revocti

necroforiIl Gip di Pesaro ha respinto la richiesta di revoca degli arresti domiciliari avanzata dai legali di due dei 5 necrofori coinvolti nell’operazione ‘Lazarus’ condotta dalla Guardia di finanza e accusati di truffa e peculato. I due indagati avrebbero reso dichiarazioni contrastanti sul sistema delle somme di denaro ricevute sia dai familiari delle persone decedute sia dai titolari delle imprese di pompe funebri. Secondo il gip, dunque, permane il pericolo di inquinamento delle prove.