Porto San Giorgio: Raccolta firme polo commerciale sud

polo commercialeIn relazione alla raccolta firme annunciata dalla locale Confcommercio, il Sindaco Nicola

Loira risponde come segue:

“La preoccupazione dei commercianti è pienamente comprensibile ed è anche quella

dell’Amministrazione Comunale, perché relativa alla sofferenza del tessuto economico sangiorgese.

Eppure siamo convinti sia riduttivo e anche improprio affrontare in questi termini le problematiche

connesse alla crisi e allo svuotamento dei centri cittadini, problematiche comuni, purtroppo, a molte

altre città del territorio.

La presenza di poli commerciali di grande distribuzione promossa fortemente dallo Stato è

stata per queste città un’occasione sfruttata positivamente anche per incrementare il numero di

presenze nei centri cittadini: quanti sangiorgesi, infatti, si muovono per andare nei centri

commerciali di San Benedetto del Tronto, ad esempio, o Civitanova Marche e poi approfittano per

girare negli altri negozi cittadini per cercare quello che la grande distribuzione non offre?

E’ bene precisare inoltre che per quanto riguarda il comparto ZPU8, si tratterebbe di medie

strutture commerciali, dedicate a settori molto specifici, che comunque in altre città rappresentano

un forte richiamo per il tessuto commerciale nel suo complesso.

L’Amministrazione Comunale è fortemente impegnata nella promozione della città e

nell’organizzazione di manifestazioni ed eventi, in molti casi originali e caratterizzanti la città stessa

sul territorio provinciale e regionale, anche a sostegno del tessuto commerciale tradizionale oggi

obiettivamente in difficoltà.

Difficoltà indiscutibilmente legate a: innanzitutto, una calmierazione degli affitti che non si è

verificata e che sarebbe stata di sicuro sostegno alle attività commerciali; in secondo luogo, al venir

meno negli ultimi anni di attrazioni tradizionali quali cinema, discoteche etc; infine, al fatto che

ormai i negozi sangiorgesi non godono più dell’esclusività di alcuni marchi, oggi presenti anche nei

più piccoli centri dell’entroterra fermano.

Sul futuro della ZPU8, terremo senza dubbio un atteggiamento responsabile, consapevoli

delle difficoltà del commercio cittadino, senza tuttavia derogare dalla volontà di riqualificare

l’ingresso della città, oggi degradato oltre ogni limite tollerabile, dando vita al contempo ad un

nuovo polo sportivo, con cui sfruttare le grandi potenzialità turistiche proprie dello sport stesso.

Restiamo disponibili al confronto e al dialogo e nel frattempo ragioniamo in termini più

concreti su una riqualificazione generale del centro cittadino e, più a breve termine, sulla

pedonalizzazione di una via di collegamento tra i due viali principali per l’individuazione della

quale ci confronteremo a breve anche con Confcommercio”.