PRESENTATI I PROGETTI DELLA PROVINCIA E DEI COMUNI PER I

Dopo l’incontro convocato a metà settembre dal Vice Presidente ed Assessore alla Viabilità Renzo

Offidani, con una significativa presenza di Sindaci e tecnici dei Comuni del Fermano, per programmare

la partecipazione ai bandi regionali per l’accesso ai cofinanziamenti del 3° – 4° – 5° Programma di

Attuazione del Piano Nazionale di Sicurezza Stradale, sono stati presentati alla Regione Marche i progetti

predisposti dalla stessa Provincia di Fermo e dalle Amministrazioni comunali.

Si tratta di progetti scaturiti dalla concertazione tra gli Enti, con il coinvolgimento di una decina di Comuni

aderenti ad un protocollo d’intesa che, in caso di finanziamento degli interventi previsti, consentirà di dare

corso ad un centro di monitoraggio sulla sicurezza stradale per l’intero territorio provinciale ed una

serie di azioni a cura della Provincia, oltre a numerosi interventi infrastrutturali sui quali si concentreranno le

azioni dei Comuni.

“Siamo veramente soddisfatti del lavoro svolto sin qui – commenta Offidani – che ha evidenziato, ancora una

volta, il grande spirito di collaborazione tra l’Amministrazione provinciale di Fermo ed i Sindaci del territorio.

Le azioni che abbiamo strutturato attraverso i vari progetti sono mirate a:

– migliorare la conoscenza del fenomeno incidentologico nel territorio sia come caratteristiche generali del

fenomeno che come mappatura del rischio sulla viabilità di competenza;

– acquisire gli strumenti tecnici e le metodologie per il monitoraggio e l’analisi degli incidenti, al fine di

ottenere un migliore e più efficace governo della sicurezza stradale;

– indirizzare le azioni per il miglioramento della sicurezza stradale (interventi sulla viabilità, controllo

e repressione dei comportamenti a rischio, informazione e sensibilizzazione) operando una corretta

pianificazione delle priorità.

Intendiamo avviare, quindi, azioni concrete con un approccio integrato e sinergico nella metodologia di

sviluppo delle fasi di monitoraggio, analisi, contrasto dei fattori di rischio ed interventi”.