Una Proposta Concreta

un giovaneIl Presidente di Unindustria Como durante un’assemblea all’associazione degli industriali ha lanciato un sasso nello stagno. Ha proposto l’assunzione di almeno un giovane disoccupato per azienda, per cui mille aziende, mille nuovi addetti. Una proposta concreta in un fiorire di parole, di grandi promesse, di grandi speranze rilanciate dal premier Letta dopo la nuova fiducia alle quale non fa mai purtroppo seguito nulla di fatto. Una bella lezione per la politica, per la sua atavica incapacità a confrontarsi con i temi concreti, a realizzare progetti sul territorio, in grado di coinvolgere come dice il Presidente Verga Aziende, Scuole, Enti locali, così da aggredire e in parte sconfiggere il dramma disoccupazione. Il Presidente Verga propone un patto generazionale, sperimentato in questi mesi in Lombardia dove a fronte dell’accettazione di un part time da parte di lavoratori vicini alla pensione, la Regione eroga contributi figurativi mancanti mancanti mentre l’azienda si impegna ad assumere un giovane a tempo pieno. Verga non si ferma a questo, rilancia chiedendo come mai i nostri amministratori non hanno saputo o voluto replicare all’iniziativa “Benvenuta impresa” di Chiasso che attirato oltre 200 aziende in attesa di conoscere i termini dell’iniziativa. Ovvio che il Presidente non ferma qui la sua analisi e rilancia auspicando che le imprese possano operare in un contesto idoneo, mentre la situazione attuale è fatta di un eccesso di pressione fiscale e di burocrazia, proprio quella che i nostri amministratori non vogliono cancellare per non perdere il loro potere.