IL ROMBO DEL TOUCH AND GO SCALDA LA CITTA’

PORTO SAN GIORGIO- “Il nostro progetto potrà funzionare alla grande”. Giampiero Simoni, campione di automobilismo di origini sangiorgesi scommette tutto sulla riuscita del suo Touch and Go, un progetto che ha preso il via ieri pomeriggio lungo la statale Adriatica nord. Simoni e il socio libanese Haidar Hassan hanno infatti deciso di acquistare due Ferrari (una 458 spider e una California) da affittare per passeggiate su strada. E ieri pomeriggio, davanti a uno stuolo di curiosi e appassionati dell’automobilismo di lusso, è avvenuta l’inaugurazione della nuova avventura imprenditoriale. Tra i presenti l’assessore al commercio e turismo Catia Ciabattoni e l’imprenditore romano Enzo Benigni. “La nostra iniziativa ha suscitato molta curiosità e qualche prenotazione è già arrivata – confessa Simoni – a breve attiveremo anche il sito www.touchandgo.pro con tutti i dettagli della nostra offerta. Nei prossimi giorni in città arriverà, direttamente da Beirut, anche il mio socio Hassan”. L’investimento di Simoni e Hassan, comprese le due Ferrari e un simulatore da Formula 1, si aggira sul mezzo milione di euro. Davvero una cifra roboante considerati i tempi di crisi e la generale asfissia delle aziende: “Ma noi ci crediamo – risponde Simoni – il nostro obiettivo è allargarci anche a Dubai ma personalmente ho voluto partire con Porto San Giorgio perché è la mia città, una scelta di cuore”. “Sono presente soprattutto come amica – confessa Ciabattoni – ma questo non mi impedisce di ringraziare Simoni sia come sportivo che ha portato nel mondo il nome della città, sia oggi come imprenditore per una proposta bella, ambiziosa e coraggiosa che sono sicura qualificherà Porto San Giorgio”.

giampiero simoni