Il museo polare “Zavatti” ospita Shirase: domani l’inaugurazione

Cento anni dalla prima spedizione antartica giapponese. Un anniversario che sarà ricordato a Fermo, ai musei scientifici di Villa Vitali, con una mostra documentale. “Shirase. La prima spedizione giapponese in Antartide 1910-12”, questo il titolo dell’esposizione, è organizzata dall’Istituto Geografico Polare “Silvio Zavatti”. Curatori della mostra sono Maria Pia Casarini Wadhams, Direttore dell’Istituto, e Hilary Shibata, dello Scott Polar Research Institute, Università di Cambridge. Il taglio del nastro è in programma per domani, sabato 2 marzo 2013, alle 17,30. La mostra, che costituisce un unicum nel mondo occidentale, rimarrà aperta fino al 7 aprile 2013. La prima spedizione antartica giapponese è stata guidata dal Tenente Nobu Shirase, con la nave Kainan-maru. Questa missione, di grande importanza storica per il mondo nipponico, dovrebbe trovare posto di diritto a fianco delle spedizioni antartiche internazionali del norvegese Roald Amundsen e del britannico Captain Robert Falcon Scott, che esattamente negli stessi anni erano presenti nella medesima area del continente antartico. Di questa spedizione non si ebbe mai notizia al di fuori del Giappone. È stata recentemente pubblicata, a distanza di un secolo dalla spedizione, la prima traduzione in inglese del libro di Shirase (The Japanese South Polar Expedition 1910-12. A record of Antarctica, a cura di Lara Dagnell e Hilary Shibata, Bluntisham Books, Erskine Press, 2011). A tenere domani la conferenza inaugurale in lingua inglese sarà proprio Hilary Shibata, una delle autrici del testo e curatrici della mostra.

All’inaugurazione sarà presente anche il Vice Capo Missione dell’Ambasciata del Giappone in Italia. Nel corso della cerimonia sarà letta una lettera della Principessa Takamado, inviata da Tokio.

Si tratta dell’ennesima testimonianza di come il Museo Polare costituisca un’eccellenza a livello nazionale e internazionale – sottolinea Francesco Trasatti, assessore alla Cultura del Comune di Fermo – Mi auguro che i cittadini fermani e non solo possano godere di questa ulteriore occasione di approfondimento della ricchezza del nostro Museo Polare”.

Con questa mostra l’Istituto Zavatti conclude il ciclo dei centenari antartici, dopo le mostre tenute su Amundsen (16.12.2011-15.1.2012) e sul Capitano Scott con le sue “Lost photographs” (17.3 – 6.5.2012).