CGIA ASCOLI. SEMPRE PIU’ DIFFICILE PER LE IMPRESE ARTIGIANE ACCEDERE AL CREDITO

Ascoli Piceno- “Sono numeri preoccupanti i e che si commentano da soli – sottolinea Moreno Bruni, presidente di Confartigianato e membro di Giunta della Camera di Commercio – e che evidenziano la grave situazione di difficolta’, per le aziende e in particolar modo per quelle artigiane, di attingere al credito. Un valore, quello che supera il 9 per cento, che assume i contorni di un vero e proprio campanello d’allarme”. Secondo Guido Tarli, segretario interprovinciale della Cgia, questa restrizione del credito “sta minando alla base il sistema produttivo locale, con la vera ossatura dell’economia costituita in prevalenza da micro e piccole imprese dove la dinamicita’, l’adattamento alle mutate condizioni del mercato e l’ingegno nel trovare sempre nuove idee progettuali e imprenditoriali sembrano non essere piu’ fattori determinanti: senza credito le imprese non vivono”. Situazione critica anche a Macerata, dove il tasso negativo e’ dell’8,1 per cento, mentre a Pesaro e Urbino i prestiti sono scesi del 7,3 per cento. Ad Ancona poi, la contrazione del credito e’ stata del 7,6 per cento, e a Fermo del 6,2 per cento.