PROVINCIA IN LUTTO. E’ MORTO IL CAVALIER LUIGI VITALI

Ardente, irriducibile, anima di Porto San Giorgio e padre fondatore della provincia di Fermo. Il cavaliere Luigi Vitali si è spento all’alba di questa mattina in un letto dell’ospedale civile Murri di Fermo. Vitali, 91 anni, è stato infatti colpito da un aneurisma cerebrale che non gli ha lasciato scampo. Ed oggi a piangerlo non è solo la famiglia, a partire dalla moglie Ave Coleffi e i figli Norina, Rosalba e Gabriele ma tutti suoi concittadini. Lo sguardo arcigno, occhi profondi ed espressivi e labbra sempre pronte a profferire consigli e, perché no, ammonimenti soprattutto ai politici di ieri e di oggi. Ma l’obiettivo era sempre lo stesso: salvaguardare Porto San Giorgio l’intero territorio provinciale. E uno scherzo del destino ha voluto che proprio Vitali, uno dei padri fondatori della provincia di Fermo, abbia ricordato anche la sua cancellazione. Il commendatore della Repubblica, infatti, ha presieduto il comitato per l’istituzione della Provincia ed è stato leader dell’assemblea dei sindaci. E solo pochi giorni fa, nonostante la malattia, aveva trovato le forze per partecipare all’adunata convocata dal presidente Fabrizio Cesetti. Nato e cresciuto a Porto San Giorgio, Luigi Vitali è stato, probabilmente anche a livello nazionale, l’ideatore delle liste civiche. Con la sua “Ruspa” ha vinto anche le elezioni comunali e dal 1983 al 1986 ha rivestito la carica di sindaco. Poi un sfilza infinita di ruoli amministrativi. Ma il cavaliere non viveva di sola politica, anzi. E’ stato per anni l’anima della Confcommercio sangiorgese. E poi lo sport, con la s maiuscola. Nelle sue vene scorreva sangue nerazzurro, quello della Sangiorgese calcio. Il cavalier Vitali, residente con la sua famiglia in viale della Vittoria, infatti nel suo curriculum vitae aveva anche un passato da nuotatore, giocatore di pallacanestro e da presidente della squadra di calcio sangiorgese. La dirigenza nerazzurra, per omaggiare la sua memoria, ieri pomeriggio in campo ha rispettato un minuto di silenzio e giocato con una fascia nera al braccio, un segno di lutto che simbolicamente ogni sangiorgese vestirà. I funerali di Vitali si svolgeranno domani mattina, alle ore 9,30 nella chiesa di San Giorgio.